Gli esperti rispondono

Fai una domanda
  • Tutto ciò che c'è da sapere sul tuo pet!
Utente Animal Guru
Redazione BauBoys
Post del 06/09/2012 alle 19:29

Ippica pericolosa: l'allarme della Italian Horse Protection

Altri due cavalli hanno lasciato la loro vita in pista, vittime delle corse ad ostacoli nell'Ippodromo di Merano, lo scorso 2 settembre (qui e qui i video degli incidenti)

Nel “Premio Lions Club Maiense” Catbar, cavallo di 4 anni, è stato soppresso dopo aver riportato la frattura dell’omero. Nel “Premio Richard” Nobel, cavallo di 5 anni, è rimasto ucciso sul colpo a seguito di una rovinosa caduta. In entrambe le corse solo due cavalli sono giunti regolarmente al traguardo.

La pericolosità delle corse a ostacoli ed in particolare dello steeplechase (corsa di galoppo ad ostacoli), già evidente sulla carta per il tipo di percorso che i cavalli sono costretti ad affrontare, è dimostrata dall’elevato numero di incidenti e di cavalli morti in tutti i campi di gara in giro per il mondo (articolo su Nashville e articolo su Aintree).

In Italia l’ippica continua a invocare a gran voce aiuti di Stato per poter sopravvivere, ma è ora che inizi a preoccuparsi soprattutto della sorte degli animali, che ai cittadini italiani sta molto più a cuore delle scommesse e dello spettacolo fatto sulla loro pelle: basti leggere il pauroso calo delle scommesse avvenuto negli ultimi anni.

Senza dimenticare anche il Palio di Siena che, nella seconda corsa di quest'anno svoltasi in agosto, ha avuto il suo immancabile incidente, con ben sei cavalli schiantatisi alla prima curva.
Non si tratta di essere animalisti o contradaioli, serve ragionare su ciò che si sta facendo in nome dello spettacolo. Tutti i discorsi e le polemiche ruotano intorno al mantenere la tradizione, al salvaguardare la cultura. Mai che ci si chieda cos'è un cavallo e quali sono i suoi parametri di benessere. Mai che ci si interroghi sul perché ancora oggi degli animali che per natura starebbero liberi, al pascolo, in branco e lontani da pericoli vengano scuderizzati, allenati e messi a correre in una bolgia infernale con l'altissimo rischio di infortunarsi e di lasciarci la vita, eventi che a Siena si verificano regolarmente (se volete approfondire leggete l'articolo nella sua versione integrale).

Italian Horse Protection continua nella sua campagna NOPALIO, lanciata lo scorso anno; in caso non l'abbiate ancora firmata e vogliate farlo, la trovate al seguente link: www.nopalio.it

Fonte: http://www.horseprotection.it

 

Altri post di Redazione BauBoys